L’importanza delle abitudini per vivere tutti più sereni

È da quando ho scoperto di essere rimasta incinta della mia prima figlia che sento parlare di routine, dell’importanza di costruire abitudini per i bambini. Solo non mi era chiaro il perché. In molti mi rispondevano “perché i bambini sono abitudinari, devono avere dei punti fissi durante la giornata”.

Pensavo che questo discorso fosse rivolto solo ed esclusivamente ai bambini piccoli, ai neonati, e invece mi sbagliavo. Ho scoperto che le abitudini fanno bene anche ai bambini della primaria e che possono essere applicate per ottenere dei risultati e dei miglioramenti nella gestione della propria vita famigliare.

Ho trovato un’applicazione pratica e una risposta alla mia domanda sulla routine solo recentemente, al mio terzo figlio, leggendo un libro che consiglio a tutti i genitori: Il metodo danese per giocare con tuo figlio in modo sano e intelligente di Jessica Joelle Alexander con Camilla Semlov Andersson, Newton Compton Editori.

Vi riporto qui un estratto del capitolo L’importanza delle abitudini:

“Stabilire una routine è uno dei metodi più efficaci per riaffermare i principi base del proprio ruolo di genitore ed evitare lotte di potere. Sono particolarmente benefiche per i bambini sensibili e volitivi, poiché contribuiscono a farli sentire più sicuri e concedono loro lo spazio per negoziare all’interno di confini ben stabiliti. Proprio come noi adulti, i bambini gestiscono meglio il cambiamento quando se lo aspettando e quando avviene in un contesto familiare. Più stabilirete delle abitudini, più sarà facile rispettarle e voi avrete una maggiore flessibilità per poter essere rispettosi nel vostro compito di genitori.

Quattro modi in cui la routine favorisce la relazione

  • Riduce le lotte di potere. Senza delle aspettative chiare, per i bambini può diventare più facile saltare azioni come lavarsi i denti o abituarsi ad andare a letto all’orario stabilito oppure fare i compiti. In caso contrario, possiamo perdere la pazienza perché vogliamo che una cosa venga fatta “subito!”. Nessuno dei due casi è sinonimo di una leadership rispettosa. Stabilire delle abitudini ci aiuta a inviare segnali chiari e coerenti. Quando i bambini sanno che una cosa si fa in un certo modo, è più facile guidarli con rispetto perché le aspettative saranno chiare e questo concede loro lo spazio per negoziare e sentire di avere il controllo sulle loro scelte.
  • Contribuisce alla cooperazione (il tono e il linguaggio contano). Le abitudini aiutano a ridurre lo stress e sono particolarmente positive per bambini distratti e volitivi. Quando i bambini sanno cosa li aspetta e ricevono un avvertimento con largo anticipo, tendono a sentirsi più calmi perché le cose della vita non succedono a caso. Si sentono meno comandati a bacchetta, e ciò si traduce in un minor desiderio di ribellione. Molti di noi non si rendono conto della rapidità con cui sfociamo in toni arrabbiati o dispotici, soprattutto perché siamo stati cresciuti in questo modo. Come genitori, siamo totalmente responsabili del linguaggio e del tono che adottiamo; essere decisi ma inclusivi e collaborativi può cambiare del tutto la qualità delle interazioni con i nostri figli.
  • Influisce su indipendenza e sicurezza. Quando i bambini imparano a svolgere azioni come lavarsi i denti, farsi la doccia, organizzare lo studio o rifarsi il letto da soli, s’instilla in loro un senso di padronanza e indipendenza. Non solo li fa sentire competenti, ma rinforza anche l’autostima.
  • Ci aiuta a pianificare più tempo “hygge” (felice) da passare insieme. A volte, noi genitori prendiamo l’abitudine di correre da una cosa all’altra e ci sentiamo agitati e sopraffatti invece di prenderci il tempo per goderci i nostri figli. Stabilire una routine ci facilita anche nella pianificazione dei momenti di relazione. Ci sono cose che saranno più facili da gestire se abbiamo già impostato una routine: un abbraccio, la favola della buonanotte, momenti in cui siete davvero presenti; oppure giocare alle costruzioni e dedicarsi a qualche lavoretto creativo dopo cena, o ancora preparare dolci durante il week end.”

Voi applicate una routine anche per i “figli di mezzo” e per quelli più grandi o vi limitate ai piccoli? Queste abitudini vi aiutano ad organizzarvi? Fatemi sapere scrivendo nei commenti!

Laura

Altri articoli scritti da Laura: