Creativando – Un giardino per festeggiare la Pasqua

Il giardino di Pasqua è una sorta di presepe pasquale in cui si rappresentano gli eventi della Pasqua cristiana in un’ambientazione gioiosa e un po’ bucolica. Si tratta di un’attività che si può declinare anche in versione laica, trasformandolo in “giardino di primavera”.

Ci sono tantissime tecniche per realizzarlo: disegnando, costruendo, utilizzando materiali trovati in natura. Quello che vi propongo io è molto semplice e… salva-spazio! L’idea mi è venuta l’anno scorso: era fine gennaio e avevo appena liberato il tavolo dal presepe e dell’albero di Natale e non potevo pensare di occuparlo di nuovo! Non volevo però rinunciare a questa bella tradizione. Ecco quindi il nostro giardino di Pasqua verticale!

Ci servirà un foglio di feltro verde, ritagli di feltro e stoffe di vari colori, un po’ di velcro, pistola della colla a caldo con qualche ricarica e un paio di buone forbici.

Il foglio verde sarà la base del nostro giardino: sul retro faremo un’asola con un pezzetto di corda fissato con colla a caldo e un ritaglio di feltro. In questo modo appenderemo il giardino in un punto della casa: così non ci sarà bisogno di un tavolo o di una mensola e sarà al sicuro da eventuali piccoli distruttori!

L’anno scorso infatti il mio terzogenito era un semplice gattonatore, ora è un arrampicatore seriale che cerca di distruggere tutto ciò che gli altri componenti della famiglia costruiscono… e credo che questo sia un problema comune di molte famiglie numerose!

Con il resto del feltro ho realizzato elementi decorativi come farfalle, fiori, foglie, alberi. Dietro ogni oggetto, ho messo un pezzettino di velcro.

Il mercoledì delle Ceneri inauguriamo la base e, dal mattino seguente, ogni giorno i miei bambini la adornano con qualche dettaglio. Durante la settimana gli elementi decorativi compaiono magicamente accanto alle tazze della colazione, mentre nel week-end devono essere cercati negli angoli più remoti della casa.

Giorno dopo giorno, il nostro giardino diventa più ricco e più bello fino ad arrivare al mattino di Pasqua, in cui i bimbi troveranno la figura di Gesù Risorto da incollare, oltre ovviamente a tante uova di cioccolato.

Chi sceglie una versione laica, può concludere invece il giardino semplicemente con un elemento più scenografico degli altri (una grande farfalla colorata, il sole, un albero in fiore), che simboleggi la vittoria della primavera sull’inverno.

Ho scelto di occuparmi io della realizzazione dei vari elementi per poter offrire l’effetto sorpresa ai bambini, ma si può anche scegliere diversamente, magari realizzando le decorazioni del giardino insieme ai bimbi più grandi e facendole posizionare dai più piccoli.

Ogni tanto, invece dei fiori e delle foglie di feltro, i bimbi trovano un bigliettino con la proposta di un gesto d’amore, con lo scopo di far fiorire e rendere sempre più bello il giardino del nostro cuore. Le proposte sono rivolte a tutta la famiglia, magari con sfumature diverse, e non sono mai inerenti alla sfera emotiva. Su nessun bigliettino ci sarà mai scritto, per esempio, “non arrabbiarsi”: negare un’emozione è davvero l’opposto di un gesto d’amore!

Ecco invece alcuni dei nostri bigliettini: “leggere o raccontare una storia ai fratellini”, “aiutare una persona della famiglia”, “preparare la pizza insieme alla mamma”, “giocare con tutta l’allegria che ho nel cuore”, “preparare i biscotti senza burro per i nonni”, “andare a trovare una vicina di casa”, “fare un disegno da spedire alla nonna lontana”.

Anche per i bigliettini si può scegliere l’effetto sorpresa -che io preferisco- oppure prepararli insieme ai bambini.

Sperando che questa attività vi sia piaciuta, vi auguro buona costruzione del giardino di Pasqua (o di primavera)!

Diletta

Puoi contattarla su Facebook Diletta Di Rocco o Instagram diletta_lestoriedeipanzini

Oltre a tenere la rubrica Creativando su questo blog, Diletta ha scritto anche un libro per bambini: Caccia al tesoro per veri fratelli maggiori (anche sorelle va bene)