Giochi da tavolo in estate: due proposte e qualche consiglio

Estate e giochi da tavolo? Certo, ma con alcune accortezze, soprattutto in famiglia.

L’estate è un tempo meraviglioso per poter stare in modo speciale con i propri figli. Un tempo anche impegnativo, tanto che spesso, finite le vacanze insieme, i genitori ne avrebbero bisogno di nuove per loro! Questo perché l’estate è un tempo di semina e non di dolce far niente, ed è bene approfittarne per trovare nuova qualità nello stare insieme.

I giochi da tavolo aiutano e, se volete usare l’estate per iniziare una buona prassi, ecco alcuni consigli che vi possono aiutare.

Innanzitutto, in particolare se state iniziando, puntate su giochi veloci, dove la partita duri poco e così possa essere anche un ottimo salvagente nei tempi morti. Preferite i giochi piccoli, che possano stare nella borsa anche quando vi spostate all’interno del vostro periodo di vacanza. Meglio avere due giochi: uno più chiassoso e animato, l’altro più tranquillo e riflessivo. Questo vi permetterà di poter alternare, di adattarlo a tutti i momenti e anche di far vivere la scelta ai vostri figli, senza lo stress delle infinite possibilità date dal “Che cosa vuoi?”. Per capirci, una coppia ideale è DOBBLE e SOLO/UNO.

Se però volete provare qualcosa di nuovo, ecco due idee che sono davvero adatte all’estate.

Partiamo da Gobbit come gioco molto animato! Avete delle carte con sempre tre animali ma di colore diversi: mosca, camaleonte e serpente. Il serpente mangia il camaleonte che mangia la mosca! Ma si mangia solo se dello stesso colore. Il vostro compito è mangiare gli altri e nel frattempo difendervi. Come? Andando a colpire con la mano la carta giusta prima che l’altro si difenda coprendola con le sue mani. Tra adrenalina, risate e qualche manata data per errore, Gobbit fa ridere tutti alla velocità della luce. Il bello di Gobbit, oltre alla grafica accattivante, è che il gioco è a più livelli. In base all’età e alla dimestichezza che avete con il gioco, potrete salire di complessità introducendo la carta gorilla e ancora più in alto, usando i simboli sul dorso delle carte. Quindi alla fine avrete un gioco espandibile e che si adatta anche alle diverse età dei figli. Si gioca da 2 a 8 giocatori, è adatto da 7 anni in su (ma in caso di fratelli più piccoli è giocabile anche dai 5 ½) e ogni partita dura circa 15 minuti.

Più calmo e riflessivo è invece Love Letter. Un gioco dove l’amore è ahimè solo una scusa per una storia di intrighi a corte. In un regno antico esistono vari personaggi: 6 guardie, 2 spie, 2 baroni, 2 serve, 2 principi, 2 cancellieri, 1 re, 1 contessa, 1 principessa. Ogni giocatore ha una carta in mano e a turno deve prenderne un’altra e decidere quale delle due giocare, ma ogni carta giocata ha un’azione che influenza il gioco. Lo scopo? Prendere più segnalini preferenze degli altri, non facendosi eliminare dalla gara e rimanendo con la carta più alta in mano. Si gioca da 2 a 6 giocatori, è adatto dai 10 anni in su (ma in caso di fratelli più piccoli è giocabile anche dagli 8) e ogni partita dura circa 20 minuti.

Entrambi i giochi lavorano su diverse competenze e si prestano a tematiche educative.

Gobbit lavora sulle funzioni visuo-spaziali e sulla velocità di reazione. Love Letter lavora sulle competenze di strategia e pianificazioni. Entrambi ottimi allenamenti per la crescita dei ragazzi.

Per le tematiche educative, Gobbit permette di lavorare sull’aggressività e sulla riflessione del potere della forza: davvero la “legge della giungla” è la migliore? Davvero devo solo e sempre pensare a difendere il mio e non anche gli altri? Ricordatevi che un gioco è educativo non perché dà sempre risposte morali perfette, ma perché permette di sperimentarsi in un altro tempo e in un altro luogo. Essere “altro” permette di capire “l’altro”. E a noi genitori permette di entrare in queste dinamiche in modo più soft ma più efficace. E non si tratta di fare la morale alla fine del gioco, bensì di avere un’esperienza a cui si può fare riferimento quando vogliamo rielaborare con loro un vissuto, quando vogliamo fare un esempio, quando vogliamo mostrare il nostro giudizio di valore.

Love Letter invece permette di far capire che non esistono persone di serie A e di serie B. Tutti i personaggi hanno poteri e hanno limiti e tutti sono utili per vincere. Un esempio perfetto per aiutare a scoprire i talenti dei nostri figli, facendo loro scoprire che sono sempre collegati ai loro difetti. E che si vince nella vita mettendo in gioco tutto di noi.

Infine, alcuni consigli per dare ancora più vita ai giochi da tavolo in estate:
• La differenza è che giocate con loro. E se dico giocate è perché intendo non solo mamma, non solo papà, ma entrambi. Nel caso di coppie separate, l’invito è rivolto a tutti gli adulti di riferimento.
• Pensate magari a un piccolo torneo per permettere di creare dei momenti di gioco al di là della noia o delle scappatoie più facili di videogiochi & Co. Se fate un torneo, molto impegno va messo sulla scelta dei nomi delle squadre, sui premi giornalieri e sul premio finale (dove ovviamente sceglierete premi non esclusivi e a vantaggio di tutta la famiglia, tipo decidere se stasera mangiamo la pizza o meno… ).
• Usate il gioco per avvicinare nuovi compagni di gioco. Se lo fate voi, i ragazzi impareranno a fare lo stesso e creeranno amicizie più dinamiche e sane.
• Fate foto divertenti copiando i personaggi delle carte. Divertitevi a scrivere messaggi buffi da mandare ad amici e parenti.
• Al momento della buonanotte sottolineate tutti gli aspetti positivi che hanno vissuto mentre giocavano.

A questo punto non mi resta che augurarvi buona estate giocosa. E se decidete di comprare Gobbit e Love Letter e non sapete dove trovarli, fate un giro su www.agoformazione.it/ilpagliaio. Oltre ad avere un prezzo più basso del solito, avrete con il gioco in omaggio la scheda per usarlo in casa, al lavoro, a scuola, in oratorio. Un modo per diffondere l’educazione e la cultura dei giochi da tavolo.

GG Cotichella

Se ti incuriosisce quello che faccio, puoi seguirmi qui: 

www.agoformazione.it 

Facebook:  https://www.facebook.com/AGO-Formazione-2048753745235679

Instagram: https://www.instagram.com/gigicotichella/